Home Ambasciatori della Festa di Scienza e Filosofia Antimateria come fonte di energia

Antimateria come fonte di energia

1491
0
SHARE

L’antimateria sta alle antiparticelle, come la materia sta alle particelle che costituiscono la materia ordinaria. Per esempio un atomo di antidrogeno è composto da un antiprotone caricato negativamente attorno al quale ruota un antielettrone (positrone), caricato positivamente. Quando la particella e l’antiparticella vengono in contatto queste si annichiliscono, trasformandosi in fotoni ad alta energia, i raggi gamma. Quando della particelle di antimateria si annichiliscono con della particelle di materia ordinaria, tutta la massa delle particelle ed antiparticelle annichilite si trasforma in energia. Ponendo che si abbia 1Kg di antimateria e si mettesse a reagire con un kilo di materia, secondo la formula E=mc^2 si arriverebbe ad ottenere ben 1,8×10^17 J di energia, circa 70 volte l’energia prodotta dalla fusione nucleare dell’idrogeno in elio e quattro miliardi di volte l’energia prodotta dalla combustione del petrolio. A livello teorico, pochi grammi di antimateria con altrettanti di materia, potrebbero portare una piccola navicella sulla Luna. L’unica barriera che si incontra per realizzare questo progetto, è il costo e la difficoltà nel produrre una singola particella di antimateria (è stato stimato che il costo di produzione di un grammo di antimateria potrebbe costare 25 miliardi di dollari). La NASA sta anche valutando di raccogliere l’antimateria creata spontaneamente intorno ai pianeti più grandi, come Giove, con dei campi magnetici.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here