Home News Festa di Scienza e Filosofia 2013 “Scienza e Società” è il tema dell’anno

“Scienza e Società” è il tema dell’anno

1752
0
SHARE

La IIIa Edizione di Festa di Scienza e di Filosofia – Virtute e conoscenza si svolgerà a Foligno dal 2 al 5 Maggio 2013, avrà per tema: “ Scienza e Società”.

di Pierluigi Mingarelli

È un tema molto vasto e impegnativo che ricomprende gli aspetti storici del rapporto, oggettivamente non sempre facile, fra Scienza e Società durante molti secoli della civiltà umana analizzando, più approfonditamente, le diverse percezioni e i diversi convincimenti che si sono determinati, nella Società, sull’utilità o sulla pericolosità della scienza in diverse parti del mondo, tenendo conto delle culture, delle religioni, dei sistemi politico-istituzionali degli Stati e del loro sviluppo socio economico.

Possono essere analizzate le motivazioni in base alle quali la Società ha avuto, spesso, paura della Scienza, del suo linguaggio ritenuto troppo specialistico, delle sue tecniche definite oscure, oppure le circostanze  e le ragioni per le quali la Scienza è stata ed è, fortunatamente, anche vista come fonte di un’utilità diretta, concreta per la vita.

Qualunque siano le cause e le ragioni di paure irrazionali del progresso scientifico e della tendenza a conservare della scienza soltanto un’immagine preoccupante, è necessario reagire promuovendo la cultura scientifica e tecnica sin dai banchi di scuola, definendo regole etiche, in particolare nei settori della biotecnologia e delle tecnologie dell’informazione, favorendo il dialogo fra gli scienziati, i filosofi, il mondo del lavoro e i responsabili politici.

Festa di Scienza e di Filosofia – Virtute e Canoscenza, nella sua terza Edizione proporrà, a partire dalle più attuali e, talvolta, discusse questioni scientifiche, riflessioni e approfondimenti sul rapporto fra Scienza e Società come si è definito nel secolo scorso e com’è oggi, all’interno del filone di riflessione: la scienza che cambia il nostro modo di produrre, di lavorare, di spostarci, di acquistare, di comunicare, in definitiva il nostro modo di vivere e di pensare.

È innegabile l’influenza pervasiva delle conoscenze scientifiche sulla società di oggi, esse sono infinitamente più ampie rispetto a quelle di solo pochi anni fa, modificano alcune concezioni filosofiche, ne confermano altre e altre ancora ne fanno nascere.

La Scienza ha permesso all’umanità di inoltrarsi nella conoscenza dell’infinitamente grande della struttura dell’universo e nell’infinitamente piccolo dei componenti fondamentali della materia, ha messo a disposizione scoperte sulla nascita, sulla vita e sulla morte cellulare, ha reso possibili nuove cure per malattie incurabili fino a poco tempo fa, ha messo a disposizione strumenti per nuove forme di intelligenza, in primo luogo quella collettiva indotta dalla diffusione di Internet e dei social networks, essa è motore dello sviluppo e della competizione economica capitalistica ed anche della supremazia militare di parti del mondo su altre.

La Scienza suscita oggi nella Società grandi dilemmi e grandi dispute culturali su temi come i cambiamenti climatici, gli organismi geneticamente modificati, le cellule staminali e la loro donazione, le nanoscienze e le nanotecnologie, le armi biologiche, l’uso degli animali negli esperimenti, l’energia nucleare, la difesa dell’ambiente, le implicazioni della genetica e delle neuroscienze sulla salute umana, nella giustizia e nell’industria farmaceutica e l’elenco delle controversie è ancora più lungo.

La IIIa edizione di “Festa di Scienza e Filosofia – Virtute e Canoscenza”  è un’occasione per favorire il confronto sui temi di maggiore attualità e rilevanza scientifica e filosofica che attraversano le relazioni fra la Scienza e la Società, in un periodo caratterizzato da forte e convulso cambiamento che riguarda ambiti fondamentali per la conoscenza umana, lo sviluppo economico e la convivenza sociale.

L’edizione 2013 vuol mantenere ed accrescere la caratteristica di essere un appuntamento per studiare il presente e guardare al futuro con l’ottimismo del sapere, quel futuro, che possiamo solo prevedere, prima di arrivarci, con gli strumenti del pensiero e    della cultura.

Si rafforza, inoltre, sia il carattere rigoroso della ricerca e del confronto scientifico e filosofico,  sia quello dell’incontro, della festa fra scienziati, filosofi, pubblico e, soprattutto, giovani.

Ancora una volta quattro eminenti personalità accompagneranno, come referenti scientifici e culturali, Festa di Sciena e di Filosofia – Virtute e Canoscenza:

Edoardo Boncinelli, fisico e genetista;

Giulio Giorello, filosofo, matematico ed epistemologo;

Silvano Tagliagambe filosofo;

Roberto Battiston, fisico.

L’edizione 2013 presenta alcune innovazioni:
  1. l’articolazione degli ambiti culturali a cui fanno riferimento gli incontri con e fra gli scienziati, i filosofi, il pubblico e i giovani in quattro grandi aree scientifiche e filosofiche, collegate alle ricerche e ai risultati più clamorosi ed eclatanti che la Scienza ha conseguito negli ultimi anni e, addirittura, negli ultimi mesi e alle loro interazioni con il pensiero filosofico:
    • la Fisica del XXI° secolo con particolare riferimento alla Fisica delle particelle e alla scoperta, annunciata solo qualche mese fa, al C.E.R.N. di Ginevra, della scoperta del Bosone di Higgs e al suo significato scientifico e filosofico;
    • la Vita, intesa come complesso delle acquisizioni del pensiero scientifico e filosofico relative, in particolare, alla genetica e alla nuova medicina, alla farmacologia, al modo di funzionare del cervello, alla storia di alcune definizioni come quella di morte.
    • la Matematica, che molti non conoscono e si dolgono di non conoscere, che molti si vantano di non conoscere e che molti, addirittura, temono, ma che è presente, senza che quasi ce se ne accorga, nella vita di tutti i giorni. Saranno approfondite le sue relazioni con la filosofia, la letteratura, l’arte, la libertà nella Società  e l’ordine del mondo, attraverso le quali la Matematica assume una dimensione culturale e scientifica piena, tramite la quale si riesce a superare l’ostacolo del suo apprendimento ;
    • le Relazioni molteplici della Scienza con la Società, in primo luogo la comunicazione della Scienza, ma anche aspetti riguardanti l’unicità o la duplicità della cultura, l’utilità di alcune ricerche, la sostenibilità dello sviluppo, la relazione odierna fra Scienza e Filosofia, le spiegazioni scientifiche e le intuizioni,
  2. un confronto fra la cultura scientifica e filosofica di altre parti del mondo, in particolare Gran Bretagna, con quelle italiane,
  3. la partecipazione di scienziati diretti protagonisti delle acquisizioni più recenti della scienza moderna in molteplici campo,
  4. numerose conferenze che avranno per tema il funzionamento del cervello umano e animale,

Il programma della IIIa edizione di Festa di Scienza e di Filosofia – Virtute e Canocenza prevede la partecipazione di 52 relatori, fra i quali due inglesi, relatori che svolgeranno, complessivamente, 50 conferenze rivolte al pubblico, due conferenze si svolgeranno come dibattiti a due voci, e 16 alle scuole, un numero più ampio rispetto al calendario 2012, proprio per favorire migliori e più numerose occasioni di incontro e discussione tra i soggetti protagonisti.

Confermando una della manifestazione, saranno relatori di numerose conferenze giovani scienziati e filosofi.

Spazio e rilevanza particolari saranno riservati alla presentazione e all’approfondimento della progetto scientifico e architettonico del Parco delle Scienze e  delle Arti.

L’edizione 2013 di “Festa di Scienza e Filosofia. Virtute e Canoscenza” vuole rafforzare la diffusione della consapevolezza che ogni futuro sviluppo, debba e possa essere fondato, per avere prospettive durature, sulla scienza e sulla cultura e promuovere, da subito, le innovazioni è particolarmente importante, oltre che necessario, per reagire alla attuale situazione di difficoltà e dare speranze alle giovani generazioni.

Rispondi