Home News Amiche della Scienza: Enrica Battifoglia (ANSA) a Foligno

Amiche della Scienza: Enrica Battifoglia (ANSA) a Foligno

1504
0
SHARE

Scienza, nome singolare femminile. Che la Scienza sia “donna” non è scritto solo nel dizionario, bensì nella storia. È per celebrare il ruolo delle donne, le loro conquiste che sono le conquiste dell’intera umanità, che stamattina a Foligno, presso palazzo Trinci, si è svolto il quinto appuntamento con Amiche della Scienza che ricorre, come ogni anno, nella Giornata Internazionale della Donna. Foligno ha accolto una delle più prestigiose personalità femminili italiane che quotidianamente danno il loro inestimabile contributo alla Scienza e alla sua divulgazione. Ospite speciale di oggi, la giornalista dell’agenzia di stampa Ansa Enrica Battifoglia, ideatrice della sezione Ansa Scienza e di Ansa Scienza & Tecnica Ragazzi. Una delle giornaliste italiane di punta che operano nell’ambito scientifico e che danno ai ricercatori e al loro instancabile lavoro.
Un’iniziativa organizzata dal Laboratorio di Scienze Sperimentali insieme al Comune di Foligno che ha richiamato l’attenzione della cittadinanza e degli studenti degli istituti folignati (liceo scientifico-artistico “Marconi”, istituto tecnologico “Da Vinci”, istituto professionale “Orfini”, istituto economico “Scarpellini”) e che ha visto la partecipazione del sindaco di Foligno Nando Mismetti, l’assessora alle pari opportunità Rita Zampolini, il presidente e il direttore del LabScienze, rispettivamente prof. Maurizio Renzini e prof. Pierluigi Mingarelli che sono, tra l’altro, gli organizzatori di Festa di Scienza e Filosofia.

enrica-battifoglia-ansa-scienza-foligno enrica-battifoglia-ansa-scienza-foligno

«Le donne sono sempre più protagoniste dell’attività scientifica – ha ricordato il prof. Maurizio Renzini – Quest’anno abbiamo invitato Enrica Battifoglia per sottolineare quanto la comunicazione scientifica sia uno strumento fondamentale per sostenere la diffusione della scienza in maniera accessibile a tutti, agile e facile». Il sindaco Mismetti e il prof. Mingarelli hanno evidenziato che «Foligno ha assunto un ruolo di primo piano nella diffusione della cultura e della scienza, grazie alle tante iniziative del Laboratorio di Scienze Sperimentali tra cui la Festa di Scienza e Filosofia e molti progetti volti alla formazione dei docenti di discipline scientifiche e degli studenti».
«Ringrazio Enrica Battifoglia per aver accettato il nostro invito a tenere oggi questa conferenza – ha proseguito il prof. Mingarelli – è una delle migliori giornaliste italiane e mi preme sottolineare la sua dedizione all’universo dei ragazzi e degli studenti». Il prof. Mingarelli ha, poi, anticipato che «anche la Festa di Scienza e Filosofia vuole dare sempre maggior spazio e visibilità alle donne impegnate nella ricerca scientifica e nella divulgazione delle acquisizioni. Nella IV edizione avremo come ospiti tante scienziate italiane che operano con successo sia in Italia che oltreoceano. Purtroppo, anche nell’ambito della ricerca scientifica, siamo ben lontani dall’avere una parità tra uomini e donne». Mingarelli ha fatto riferimento, infatti, a come le donne debbano lottare per vedere riconosciuti gli stessi livelli salariali concessi agli uomini o l’accesso ai ruoli dirigenziali. Sebbene l’Italia possa vantare personaggi quali Lucia Votano, la prima donna chiamata a dirigere i Laboratori del Gran Sasso dell’Infn, oppure Fabiola Gianotti, colei che ha guidato al Cern l’operazione di ricerca del Bosone di Higgs.

Stamani la giornalista Enrica Battifoglia ha esordito evidenziando che «Foligno è amica della Scienza, non è facile trovare in altre città una tale attenzione per la divulgazione scientifica tra la cittadinanza e, in particolar modo, tra i ragazzi». «Ragazzi, avete davanti a voi delle scelte importanti, ma non vi scoraggiate, la città in cui vivete è molto aperta alla scienza e, dunque, non dovete aver timore di abbracciare la professione del ricercatore scientifico perché, così facendo, aiuterete il vostro Paese, sebbene in Italia vengano investiti fondi molto esigui per la ricerca». La Battifoglia ha ricordato, poi, alcuni casi in cui la Scienza italiana è stata criticata a livello internazionale, davanti a casi come «Stamina o il metodo Di Bella», che hanno alimentato un sentimento di diffidenza tra la popolazione verso la Scienza.
Dopo un’introduzione appassionata, mirata a incoraggiare i giovani folignati, la Battifoglia ha ripercorso l’esperienza di tante donne che hanno dedicato grande impegno nella ricerca, a partire da Ipazia, matematica astronoma e filosofia della Grecia Antica, Marie Curie fino a Rita Levi Montalcini e a Margherita Hack. La giornalista ha messo in rilievo le difficoltà della divulgazione scientifica in Italia e la necessità di trasferire al grande pubblico «con un linguaggio semplice ma preciso le nozioni estremamente tecniche dei ricercatori».
L’assessora Rita Zampolini ha concluso l’incontro mettendo in rilievo che «la giornata di oggi non è una festa ma una giornata di riflessione e approfondimento».

 enrica-battifoglia-ansa-scienza-foligno

Enrica Battifoglia è stata ospite della III Festa di Scienza e Filosofia nel 2013, e quest’anno sta dando un importante contributo alle attività del progetto “Ambasciatori della Festa di Scienza e Filosofia” che si collegano, appunto, al portale Ansa Scienza & Tecnica Ragazzi. Infine, è uno dei personaggi che ha permesso a Festa di Scienza e Filosofia di trattare il tema del giornalismo scientifico e della divulgazione al grande pubblico delle acquisizione della Scienza.