Home In evidenza Verso un’etica dell’informazione scientifica

Verso un’etica dell’informazione scientifica

1258
1
SHARE

di Claudia Di Giorgio

Claudia Di Giorgio
Claudia Di Giorgio

Nel dialogo tra comunità scientifica e società, il giornalismo – scientifico e generalista – gioca un ruolo centrale, che si riflette a ogni livello decisionale, dalle scelte individuali a quelle politiche, fino alle sentenze di tribunale.

Tuttavia, tra le molte carte deontologiche che regolano la professione giornalistica in Italia, brilla per assenza un documento dedicato all’informazione scientifica.

Per fare solo un esempio, l’informazione sportiva dispone di un codice di autoregolamentazione – che prevede sanzioni amministrative anche pesanti – e di un decalogo di autodisciplina, due documenti che riconoscono la specificità e la rilevanza sociale dell’argomento e di come viene affrontato dai media.

L’informazione scientifica, invece, malgrado l’importanza e la sensibilità dei suoi temi – che si tratti di cambiamento climatico, evoluzione delle specie o scoperte sul funzionamento del cervello – è una terra di nessuno, che chiunque può occupare a prescindere dalla sua competenza o esperienza, e senza essere tenuto a rispettare, e nemmeno conoscere, i principi e i valori specifici su cui si fondano scienza e ricerca.

Allo stesso tempo, però, la comunità scientifica fatica a riconoscere ai giornalisti scientifici un insieme di etica e valori che solo in parte si sovrappone a quello della scienza e che ha invece sovrapposizioni con quello del giornalismo, nel suo ruolo di “sorveglianza” dei fenomeni sociali, di cui la scienza fa parte.

Logo SWIMPer queste ragioni, l’associazione di giornalisti scientifici SWIM-Science Writers in Italy (www.sciencewriters.it) ha deciso di avviare un percorso di riflessione e discussione – di cui è parte l’incontro alla Festa di Foligno – tra giornalisti, scienziati e cittadini, verso la costruzione di una carta deontologica dell’informazione scientifica che sia in grado di tradurre i valori comuni della scienza, della società e del giornalismo in indicazioni concrete di condotta professionale. E che, lungi dall’introdurre sanzioni e steccati, contribuisca a garantire a tutti il massimo accesso – come produttori e come fruitori – a un’informazione scientifica indipendente ma corretta, aggiornata ed esauriente.

Claudia Di Giorgio sarà alla Festa di Scienza e Filosofia venerdì 10 aprile al Teatro San Carlo di Foligno. Info: goo.gl/zV7St

Comments are closed.