Home News Festa di Scienza e Filosofia 2016 La luce ed il colore nella conferenza firmata da Maria Luisa Rastello

La luce ed il colore nella conferenza firmata da Maria Luisa Rastello

1717
0
SHARE

La scienziata, oggi a capo dell’Inrim, sarà a Foligno sabato 16 aprile per un incontro ospitato a palazzo Trinci

“Luce e colore”. È questo il tema che sarà al centro dell’incontro con Maria Luisa Rastello, direttore scientifico dell’Istituto nazionale di ricerca metrologica di Torino. Tra le venti relatrici della prossima “Festa di Scienza e Filosofia”, in agenda a Foligno dal 14 al 17 aprile prossimi, Maria Luisa Rastello incontrerà il grande pubblico nella splendida cornice di palazzo Trinci, uno degli edifici storici della città. L’incontro è in programma per sabato 16 aprile alle 17.30 nella sala Rossa della bellissima dimora di una delle famiglie che hanno segnato la storia di Foligno.

Nel corso della sua lunga carriera professionale, la scienziata ha condotto numerose ricerche nell’ambito non solo della metrologia, intesa come studio che interessa le questioni inerenti la misurazione delle grandezze fisiche, ma anche della fotometria, della radiometria, dell’ottica e dell’informazione quantistica. Studi che l’hanno vista ricoprire, nel tempo, un ruolo di coordinamento non solo di numerosi progetti italiani ma anche comunitari.

Un lungo curriculum quello che segna la vita di Maria Luisa Rastello, i cui interessi scientifici hanno riguardato via via la realizzazione delle unità del sistema internazionale e la caratterizzazione assoluta di foto-rilevatori e sorgenti di radiazioni. Ed ancora la colorimetria e le tecniche di imaging, e – come detto – l’informazione e la comunicazione quantistica. Tra i ruoli ricoperti negli anni anche quello di revisore di importanti riviste scientifiche, ma soprattutto quello di membro del comitato scientifico di numerose conferenze internazionali.

Una figura, quella di Maria Luisa Rastello, che ritroviamo spesso nella storia di università, in aziende e in centri scientifici esteri. Tra i molti, il danese Physikalisch-Technische Bundesabstaklt, il britannico National Physical Laboratory, il Csir in Sud Africa, l’Ncr in Canada e il neozelandese Mls. Insomma, un appuntamento imperdibile con una donna che ha saputo lasciare il segno nello sconfinato universo delle scienze.