Home Breaking news A Foligno si avvicina l’appuntamento con i vertici del Cnr

A Foligno si avvicina l’appuntamento con i vertici del Cnr

301
0
SHARE

Pierluigi Mingarelli: “Ricerca e scienza devono essere alla base di ogni decisione politica e amministrativa nella prevenzione e nella tutela del territorio.

L’incontro con il Centro nazionale delle Ricerche sul tema ‘Terremoti e altri rischi naturali: la scienza per un futuro migliore’ è importante per due motivi: innanzitutto perché è la prima volta che il Cnr fosse presente in una realtà locale con tanti autorevoli rappresentanti; il secondo perché, attraverso le ricerche e gli studi che conduce, mostra di essere vicino alle popolazioni che sono esposte a rischi naturali, ed in particolare a quelle che da agosto allo scorso gennaio hanno dovuto fare i conti con il sisma”. A parlare è il direttore del Laboratorio di Scienze Sperimentali di Foligno, Pierluigi Mingarelli, che, nell’ambito delle anteprime della settima edizione di Festa di Scienza e Filosofia, ha promosso un incontro dedicato a cittadini ed istituzioni, perché imparino a vivere e convivere con le calamità naturali. “La ricerca e la scienza – ha proseguito Pierluigi Mingarelli – devono essere alla base di ogni decisione politica ed amministrativa, in particolare per quello che riguarda la prevenzione dei rischi e la tutela e difesa del territorio”. Per il direttore del Laboratorio folignate, infatti, la conoscenza scientifica può, in quest’ottica, “permettere di costruire città e preservare borghi e paesi secondo metodologie che garantiscono alti livelli di sicurezza di fronte a rischi naturali che non sono né prevedibili né tantomeno eliminabili”. “Credo che la città di Foligno e l’intera Umbria, così come le regioni limitrofe – ha dichiarato – debbano essere grate al Cnr ed al presidente Massimo Inguscio per la sensibilità e la disponibilità mostrati nell’incontrare le comunità locali per illustrare ricerche e motivazioni capaci di assicurare un futuro ai nostri territori, costituendone le premesse. La messa in sicurezza dei nostri comuni – ha quindi concluso – può costituire di per sé un’occasione qualificata di sviluppo, perché così facendo ciascuno di noi diventa consapevole di come l’utilizzo di tecnologie avanzate sia necessario tanto in situazioni di rischio quanto in situazioni di normalità”. L’appuntamento, dunque, è per venerdì 10 marzo alle 17.30 nella Sala Rossa di palazzo Trinci, a Foligno. Un’occasione di incontro e confronto con esperti per allontanare le paure che le calamità naturali generano nell’uomo e aiutarlo a vivere serenamente.