Home Ambasciatori della Festa di Scienza e Filosofia SECONDA ATTIVITA’ PROGETTO SCIENZA E FILOSOFIA

SECONDA ATTIVITA’ PROGETTO SCIENZA E FILOSOFIA

312
0
SHARE

Egregia signora Santoni,

ho deciso di scriverle una lettera riguardante il tema che ha scelto di trattare in occasione di questa esperienza: “Immunoterapia e vaccini, le sfide contro il cancro e le malattie infettive”

Lo trovo un argomento attuale di cui, ultimamente, si sta discutendo molto. Vorrei iniziare esponendole il mio parere a riguardo, basato sulle conoscenze acquisite informandomi autonomamente attraverso internet e programmi televisivi, approfondendo maggiormente la questione dei vaccini, spinta anche dal desiderio di intraprendere successivamente la carriera in campo medico.

La vaccinazione è oggi considerata una delle scoperte più importanti nell’ambito medico, grazie alla quale si può aumentare la speranza di vita della popolazione umana. Essa consiste nella capacità dell’individuo di sviluppare le difese nei confronti del virus stesso attraverso la somministrazione di piccole quantità di agente infettivo inattivato.  Attualmente, la popolazione è divisa in due parti: chi considera questa una pratica indispensabile, senza la quale malattie ormai debellate potrebbero riproporsi, causando gravi rischi, fino alla morte. La parte della popolazione contraria alla vaccinazione considera invece che essa porti più rischi che benefici all’uomo.

Io, personalmente, considero i vaccini molto importanti per la salute dell’uomo, una delle scoperte che ha cambiato il corso della medicina, dando importanza al concetto di prevenzione, utilizzando un metodo così semplice. Inoltre penso che essa sia indispensabile per i bambini, poiché oltre a proteggere il bambino stesso evita il contagio che si andrebbe a creare con la diffusione del virus. Basta pensare al fatto che con un gesto così semplice si eviterebbero epidemie come quella della polio del dopoguerra in occidente, o sui danni della rosolia sul feto, quando essa viene contratta in gravidanza.

A questo punto mi sorge spontaneo porle due domande;

1) la sua opinione riguardo questo argomento;

2) la veridicità dell’affermazione che successivamente ad un vaccino si possano contrarre malattie autoimmuni come l’autismo.

Laura Triso