Home Breaking news A Trevi la seconda edizione del Darwin Day

A Trevi la seconda edizione del Darwin Day

293
0
SHARE

L’evento si terrà venerdì 8 e sabato 9 marzo negli spazi della Fondazione Villa Fabri. In programma una due giorni all’insegna della scienza con quattro incontri 

Dopo il grande successo dello scorso anno, torna a Trevi il Darwin Day. Promosso dalla Fondazione Villa Fabbri e dal Comune di Trevi con il supporto scientifico del Laboratorio di Scienze Sperimentali, l’evento farà da apripista alla nona edizione di Festa di Scienza e Filosofia, in programma a Foligno dall’11 al 14 aprile. A fare da sfondo al secondo appuntamento con il Darwin Day, che si terrà venerdì 8 e sabato 9 marzo, saranno gli spazi della Fondazione Villa Fabri, nel cuore del borgo trevano. Quattro gli incontri dedicati al pubblico ed uno agli studenti di Trevi in calendario per questa due giorni, che avrà per tema “Vivere con gli altri l’evoluzione del comportamento sociale”. “Partiamo dalle basi culturali, biologiche ed evolutive del vivere insieme – ha spiegato la biologa Silvia Paolucci, che ne ha curato l’organizzazione – per cercare di spiegare quei meccanismi che regolano le relazioni sociali. Parleremo di altruismo e cooperazione – ha proseguito – di gioco ma anche di conflittualità”. 

IL PROGRAMMA – L’inaugurazione della manifestazione è in programma per venerdì 8 marzo, alle 17.15, con i saluti istituzionali del direttore del Laboratorio di Scienze Sperimentali di Foligno, Pierluigi Mingarelli, del sindaco di Trevi e presidente della Fondazione Villa Fabri, Bernardino Sperandio, e l’introduzione di Silvia Paolucci. Subito dopo, alle 17.30, a prendere la parola sarà Fabio Di Vincenzo, naturalista e studioso di evoluzione umana del Dipartimento di Biologia Ambientale e del Museo di Antropologia “Sergi” dell’Università La Sapienza di Roma. Titolo dell’incontro sarà “Un’amicizia geniale: socialità e sviluppo cognitivo nell’evoluzione umana”. A seguire, alle 18.30, sarà la volta di Chiara Scopa, etologa del Museo di Storia Naturale di Calci dell’Università di Pisa, che interverrà con una conferenza dal titolo “A che gioco stai giocando? L’etologia del gioco sociale: due specie animali a confronto”. Chiusa la prima giornata del Darwin Day, Villa Fabri tornerà a spalancare le proprie porte sabato 9 marzo: la mattina per gli studenti, mentre alle 17.30, per accogliere l’etologo dell’Università di Firenze e dell’University College di Londra, Alessandro Cini, con la conferenza “Oltre l’altruismo: opportunisti e impostori nelle società degli insetti”. Ultimo incontro in agenda sarà quello con il biologo della Fondazione Edmund Mach di San Michele all’Adige, Trento, Omar Rota-Sgabelli. L’evento avrà per titolo “Evoluzione a tutta birra: antropologia, filogenesi e storia delle bevande fermentate”. 

GLI INTERVENTI – “La collaborazione avviata con il Laboratorio di Scienze Sperimentali – ha commentato a pochi giorni dal Darwin Day il sindaco Bernardino Sperandio – prende sempre più piede, grazie anche all’impegno della Fondazione Villa Fabri e del Comune di Trevi. Siamo alla vigilia di un’iniziativa che ritengo utilissima – ha quindi proseguito -, soprattutto in un periodo storico come quello di oggi in cui la scienza viene messa da parte per favorire esternazioni fantasiose che creano problemi di credibilità e stabilità della società”. “Quest’anno – gli ha fatto eco il direttore del Laboratorio folignate, Pierluigi Mingarelli – il carattere scientifico si manifesterà anche nell’esame di pezzi di funzionamento della società. Grazie al Comune di Trevi e alla Fondazione Villa Fabri per l’impegno e grazie alla biologa Silvia Paolucci, per aver messo in piedi un programma in cui saranno protagonisti relatori altamente qualificati. Credo che la scelta del Comune di Trevi e delle altre città di valorizzare la fascia olivata possa trovare un valido supporto nella conoscenza scientifica. Stiamo seguendo un cammino proficuo e di alto livello e speriamo – ha concluso – che il pubblico lo apprezzi come lo ha apprezzato lo scorso anno”. L’evento è patrocinato dalla Società Italiana di Biologia Evoluzionistica e dall’Associazione Italiana per lo Studio degli Artropodi Sociali e Presociali.