Home News Festa di Scienza e Filosofia 2013 Foligno e Napoli insieme grazie alla Scienza

Foligno e Napoli insieme grazie alla Scienza

2185
0
SHARE

di Marica Remoli

Ieri era il tempo delle relazioni. Oggi è il tempo delle reti. Questa la direzione verso cui si sta muovendo la Festa di Scienza e Filosofia, con i suoi soggetti organizzatori e promotori, tutti consapevoli che per superare l’impasse della civiltà contemporanea è sempre più necessario creare sinergie. È con queste premesse che la Festa di Scienza e Filosofia ha voluto mettersi in rete quest’anno con la Città della Scienza di Napoli, parzialmente distrutta da un rogo, presumibilmente di natura dolosa, il 4 marzo scorso. Fare sistema con chi da anni si spende per la divulgazione culturale, proprio come gli organizzatori della Festa: il Laboratorio di Scienze Sperimentali di Foligno e l’associazione Oicos Riflessioni. Una comunione che va di pari passo con l’unità di intenti che contraddistingue queste due importanti realtà italiane della divulgazione scientifica, e che comprende anche sentimenti di solidarietà e stima  verso la Città della Scienza  e la Fondazione IDIS che, nonostante il duro colpo dello scorso marzo, hanno ripreso la loro attività già pochi giorni dopo l’incendio.

È sotto il segno di una proficua sinergia, dunque, che si inaugura la III edizione di Festa di Scienza e Filosofia – Virtute e Canoscenza giovedì 2 maggio. Alla Cerimonia di Apertura sarà infatti, presente il giornalista e divulgatore scientifico Pietro Greco, uno dei soci fondatori del centro della scienza di Napoli e attuale membro del CdA della Città della Scienza. Greco porterà una testimonianza significativa di un’attività di divulgazione scientifica portata avanti con successo, coinvolgendo ampi settori della cittadinanza ed un numero considerevole di visitatori. Ma i dati, da soli, non bastano a descrivere il miracolo che si è compiuto nel quartiere napoletano di Bagnoli, realizzando la Città della Scienza. Ecco, dunque, che si rende necessario ricordare perché questo centro è nato. Nei primi anni Novanta, mentre la grande crisi industriale stava consumando il tessuto produttivo di Napoli e, in particolar modo, le imprese e i lavoratori dell’area di Bagnoli, Vittorio Silvestrini – il futuro fondatore – pone le basi per una riconversione dell’area industriale in decadenza in un polo scientifico hi-tech capace non solo di riqualificare lo storico quartiere operaio, ma anche di rimarginare l’emorragia di posti di lavoro. Nel 1996, da un accordo di programma sottoscritto fra Ministero del Bilancio, Regione Campania, Provincia di Napoli e Comune di Napoli e la Fondazione IDIS, nasce il primo nucleo della Città della Scienza., che verrà poi ampliato e arricchito negli anni. In circa 20 anni, dalle ceneri di una zona industriale allo sfacelo, si è costruito un museo scientifico interattivo, un incubatore di imprese e un centro di formazione. Questa iniziativa di promozione e divulgazione della scienza, dunque, ha permesso di arginare  un drammatico fenomeno economico-sociale, innescando, allo stesso tempo, un meccanismo di continua rigenerazione e innovazione imprenditoriale, grazie all’attività di formazione e di sviluppo di idee d’impresa. A dispetto di quei detrattori che dubitano delle ricadute economiche che la cultura è pienamente in grado di produrre.

Pietro Greco ci parlerà di tutto ciò. Di come sia indispensabile, ora più che mai, mettersi in rete per promuovere saperi e innovazione tra la società, unica speranza per un rilancio a tutti i livelli della società contemporanea. Una missione che è proprio alla base della Festa di Scienza e Filosofia e dell’attività dei soggetti promotori. Tra qualche anno, con la realizzazione del Parco delle Scienze e delle Arti nell’area ex Zuccherificio di Foligno, anche la città di Foligno rafforzerà il suo ruolo per  lo sviluppo socio-economico della comunità. A dimostrazione del fatto che la Festa di Scienza e Filosofia non è un evento indipendente che trascende dalle dinamiche sociali, politiche ed economiche del Paese, ma è una delle tante iniziative che compongono uno disegno molto più vasto e articolato: creare le condizioni per costruire, insieme, un futuro migliore.

 

Il comune percorso di ri-costruzione, la Città della Scienza di Napoli e di costruzione, Parco delle Scienze e delle Arti di Foligno, rappresenta quindi, oltre ad un momento di solidarietà anche la condivisione di questa prospettiva.

Vi aspettiamo, quindi, giovedì 2 maggio alle 17.00 per la Cerimonia di Apertura della Festa, presso la Sala Rossa di Palazzo Trinci. Oltre a Pietro Greco, interverranno anche la Presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini, il Sindaco di Perugia, Wladimiro Boccali, il Sindaco di Foligno, Nando Mismetti.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.