Home News Festa di Scienza e Filosofia 2014 Il Buddhismo e la Scienza

Il Buddhismo e la Scienza

3173
0
SHARE

di Pindaro Mattoli

Mentre l’obiettivo finale e identico di tutte le religioni è quello di elevare spiritualmente l’uomo, anche con la possibilità di avere esperienze di stati di coscienza superiori, c’è una differenza importante nell’approccio al Divino fra le religioni medio orientali, come il Cristianesimo e l’Islam, e il Buddhismo. Mentre le prime sono “teistiche”, ovvero presuppongono l’esistenza di un Dio personale a cui l’uomo si deve rivolgere come a un padre e indicano una via “mistica” di sviluppo spirituale, fatta di dedizione totale al Signore, di Fede incondizionata e di preghiera, il Buddhismo è una religione “non teistica”. Ciò non significa, come erroneamente molti la considerano, “atea”, non presuppone un Dio personale, ma indica il Buddha storico come un uomo che è riuscito ad arrivare all’Illuminazione attraverso tecniche di meditazione che ha poi comunicato agli altri uomini. Chi ha seguito la sua via di realizzazione, a sua volta è diventato “un” Buddha, cioè un “risvegliato”.

L’approccio del Buddhismo a stati superiori dell’Essere è, pertanto, più che devozionale, “operativo”: i Maestri e gli Insegnanti buddhisti non chiedono fede incondizionata, ma fiducia che nasce dall’analisi e dalla riflessione sugli insegnamenti e dalla giusta esecuzione degli esercizi di Meditazione, fino alla constatazione personale dell’efficacia degli stessi.

In questo contesto è molto importante il rapporto del praticante con il Maestro “istruttore” e la verifica da parte del Maestro stesso dei risultati delle varie pratiche meditative.

La cosa interessante dunque del Buddhismo è esattamente questo atteggiamento “scientifico” ed “esperienziale” nei riguardi degli stati superiori dell’Essere.

Esistono infatti, nel cursus di studi delle Università Buddhiste, Shedra, studi di Logica, Epistemologia, studio critico dell’approccio metodologico alla Conoscenza, e Psicologia.

Tale impostazione del Buddhismo ha permesso un contatto produttivo fra alti esponenti di tale religione e scienziati eminenti.

Un benefattore americano, Adam Engle, uomo d’affari allievo del Dalai Lama, anche con le sovvenzioni di Branco Weiss di Zurigo, organizza da molti anni un incontro biennale fra il Dalai Lama e scienziati di varie discipline: psicologia, neuroscienze, fisica, etc.

Di tali incontri esistono, anche in italiano, diversi testi.

Inoltre alcuni grandi meditatori, come Alan Wallace, sono anche laureati in discipline scientifiche ed hanno pubblicato diversi testi in merito al rapporto fra la Scienza e il Buddhismo.

Pindaro Mattoli
Direttore del Centro Buddhista Tibetano di Perugia

Bibliografia essenziale.
Report degli incontri fra il Dalai Lama e gli scienziati: 

  1. Ponti Sottili –Dialogo tra scienza e buddhismo sulla natura e i poteri della mente Ed. Neri Pozza
  2. La Scienza della Mente: un dialogo tra il Dalai Lama e i partecipanti  all’Harvard Mind Science Symposium
  3. The New Physics and Cosmology: dialogues with the Dalai Lama,  Oxford University Press
  4. l Buddha in laboratorio ed. Amrita
  5. http://www.lifegate.it/persone/stile-di-vita/il_dalai_lama_e_la_ricerca_scientifica (il sito contiene un sintetico panorama degli incontri tra Dalai Lama e scienziati del progetto “Mind and Life” , con ulteriore bibliografia)
  6. Sito del Mind & Life Institute : www.mindandlife.org

Testi dei meditatori laureati in discipline scientifiche:

  1. Alan Wallace “Dimensioni nascoste”  (su buddhismo e fisica quantistica) , ed UTET
  2. Matthieu Ricard, Trinh Xuan Thuan “Dal Big Bang all’illuminazione”, ed.  Amrita . Qui sotto link ad un articolo che riporta un dialogo tra i due coautori: http://www.scienzaeconoscenza.it/articolo/lo-chiamano-l-039-uomo-piu-felice.php
  3. Link ad intervista del matematico Odifreddi al Dalai Lama su “metodo buddhista” e metodo scientifico: http://www.minerva.unito.it/BuddhismoScienza/DalaiLama/IntervistaOdifreddi.htm

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.