Home Ambasciatori della Festa di Scienza e Filosofia Nutrice o Madre?

Nutrice o Madre?

2608
0
SHARE

La terra:terzo pianeta in ordine di distanza dal sole nonché il più grande dei pianeti terrestri del sistema solare. Essa è in grado di fornire e sostenere la vita per le creature presenti, offrendo loro la possibilità di condurre un’esistenza,mediante la presenza della sua fidata compagna:una “Nana gialla” meglio nota come Sole. Datata circa 4,54 miliardi di anni fa, la terra è composta dal 71% da oceani ad acqua salata,mentre il 29% da continenti ed isole. Acqua:altro bene primario per la sopravvivenza animale e vegetale,è presente in forma liquida, solida e gassosa,la quale entra in contatto con l’atmosfera terrestre composta da una miscela di aeriformi:gas e vapori.

Altro elemento presente sulla terra e indispensabile per le forme di vita terrestri è l’aria,composta all’incirca per il 78% di azoto,21% ossigeno,0,96% argon e per lo 0,04% di anidride carbonica. Potremo concentrarci per ore sullo studio di tale bellezza spaziale,un piccolo punto all’interno di un’enorme galassia,ossia la Via Lattea. Tale meraviglia blu è colei che ci ha fornito una vita, degli scopi da raggiungere,obbiettivi da compiere,territori su cui risiedere,con il fine di sviluppare le nostre conoscenze ed idee. Andando in antitesi con il pensiero Leopardiano del “Pessimismo cosmico”,il quale reputava che la natura presente sulla terra avesse un fine maligno e distruttivo per gli esseri umani,il nostro geoide terrestre si può definire come colui che ci ha generato e dato la vita, perciò non si dovrebbe vedere come un’entità malvagia ma bensì come una “madre generatrice d’esistenza”.

Sorge una domanda:ma se non fosse lei la nostra reale genitrice ? Se gli esseri viventi,in particolare la razza umana,siano solo degli ospiti che provengono da altri pianeti,galassie o universi governati da altre forme di vita?  Lo scetticismo extra-terrestre,come la convinzione di altre creature presenti nell’universo,remano all’interno delle menti umane,ognuna delle quali in contrasto con l’altra. Per chi va contro tale scetticismo,crede e attribuisce una denominazione per identificare coloro che non appartengono alla terra  e ogni tanto ne vengono rivelate delle tracce attraverso registrazioni audio-visive o foto,ossia i cosiddetti “UFO, Unidentified Flying Object” o Ovni “Oggetto Volante Non Identificato”. Il primo avvistamento ufficiale risale al 27 giugno del 1947,avvenuto negli Stati Uniti d’America quando un ricco pilota e ricco uomo d’affari, Kenneth Arnold,vide dal proprio aereo privato,nove oggetti di forma circolare simili a dei dischi librarsi vicino a Mount Rainier.Tale avvistamento attirò l’opinione pubblica nazionale,creando il fenomeno dell’ufologia e la coniazione del termine UFO. Successivamente a tale evento,vennero avvistati  altri dischi volanti e derivati all’interno del territorio americano.

Alcuni di questi fatti,come ad esempio l’incidente di Maury Island,sono da considerare come burle o falsità,c’è ovviamente chi ritiene il contrario. La fine degli anni 40,si può classificare come periodo di un “Monopolio Americano”,in quanto gli avvistamenti si sono tutti verificati all’interno degli Stati Uniti, ma nonostante ci siano stati svariati casi e testimonianze,il più famoso rimane quello di Roswell,Nuovo Messico. L’8 luglio del 1947,il quotidiano locale di Roswell,annuncia che un gruppo bombardieri ha trovato e recuperato un disco volante schiantato al suolo e le parti recuperate sarebbero state destinate alla base aerea “Wright Patterson”. Il giorno successivo l’aeronautica militare statunitense smentisce la vicenda affermando che si era trattato di un pallone sonda per uso metereologico.La verità non sarà mai chiara. Il primo avvistamento fuori dal territorio americano risale al 1948,meglio noto come “Incidente di Fukuoka”.

Verso le 23,un aereo Black Widow statunitense,stava eseguendo una perlustrazione quando all’improvviso rilevò un segnale radar distante 8 km dalla sua posizione. Il velivolo aumentò la velocità ma l’oggetto in questione sparì dal quadrante per un breve periodo di tempo. Dopo varie sparizioni e riapparizioni di questo oggetto non identificato,il pilota americano vide che esso era di una lunghezza compresa fra i 6 e i 9 metri e di forma cilindrica. Il velivolo sconosciuto,dopo la sesta ed ultima apparizione,accellerò e scomparve ad una velocità irraggiungibile per il Black Widow. Secondo una mia opinione personale,il fenomeno UFO è stato inizialmente un avvenimento che ha scosso i mass media dell’epoca,ma quest’ultimi hanno enfatizzato qualunque evento “bizzarro” o “particolare” solo per scopi economici. L’ elenco degli avvistamenti sembra infinito,alcuni si sono rivelati fasulli,altri reali con tanto di testimonianze e registrazioni, ma nessuno ha effettivamente  fornito una concreta e reale prova dell’esistenza di tali creature.

Uno dei pochi studiosi non scientifici,spinto dalla curiosità di tali oggetti non identificati,è stato lo psicoanalista Carl Gustav Jung.Egli riportò su un suo saggio che tali avvenimenti erano rappresentazioni psichiche inconsce legate ad alcuni avvenimenti di importanza collettiva. Gli UFO rappresentano delle illusioni e visioni,le quali provengono da un inconscio represso,ossia  una “soppressione” delle attività mentali non presenti nella coscienza di un soggetto umano. Ma precedentemente al 1947,anno della nascita dell’ufologia,si sono individuati o verificati degli eventi definiti “sopranaturali” ? Ovviamente,si.  Una parte della Ovniologia è la Clipeologia,ossia lo studio delle presunte manifestazioni di UFO prima dell’anno 1947. Durante gli anni dell’antica Grecia,il politico e militare Timeoleonte di Corinto,ammise di aver visto nei cieli una “torcia volante”durante un viaggio in nave tra la sua terra natia e la Sicilia. Tito Livio,Plinio il Vecchio e Giulio Ossequente,hanno trascritto dell’apparizioni definiti “clipei ardentes ” o scudi infuocati nei cieli del territorio dell’antica Roma.Durante gli anni della metà del 1500,sono stati riportati degli avvistamenti dei fenomeni celesti di Norimberga,Germania,e di Basilea,Svizzera,i quali affermano che tali eventi abbiano avuto una durata di circa un’ora con delle conseguenze abbastanza distruttive,in quanto alcuni oggetti caddero sul suolo delle città provocando degli incendi.

Nel 1883,l’astronomo messicano José Bonilla,durante alcune osservazioni lunari,notò che alcuni oggetti si stavano sovrapponendo fra il suo telescopio e il sole. Spinto da un’ ipotetica curiosità,egli fece una foto a questi oggetti non ben definiti. Varie sono le testimonianze di persone che hanno affermato di essere state rapite ed analizzate dagli alieni,con lo scopo di ottenere maggior informazioni sulla razza umana. La forma di alieno più diffusa e conosciuta è sicuramente la razza dei “Grigi”,sui quali sono state create delle teorie riguardanti l’origine. Essi hanno una colorazione grigia,privi di apparati genitali e dotati d’un enorme testa con occhi privi di iridi con sfondo nero e  provengono dalla costellazione di Orione,in particolare dalle stelle Zeta Reticuli e Bellatrix. Le teorie dei clipeologi affermano che molti luoghi ed opere costruite dall’uomo,ad esempio la piramide Inca a Teotihuacàn,Messico,la piramide maya a Chichen Itza,Stonehenge,Inghilterra,Machu Picchu,Perù,siano monumenti ideati dagli alieni,i quali hanno poi fornito l’informazioni necessarie per realizzarli. Rimane un dubbio: chi siamo noi realmente ? Possiamo definirci come  veri creatori di opere meravigliose quanto misteriose ? Secondo una mia teoria,gli alieni o altre forme di vita presenti sull’universo esistono,in quanto essendo solo un piccolissimo punto blu nello spazio infinito,saranno presenti altri pianeti,galassie o magari universi,i quali conterranno forme di vita,magari dei nostri simili. E se fossimo noi una razza aliena difettosa e scaricata su di un “qualsiasi” pianeta?  Descrivere l’abissale differenza di evoluzione che passa tra l’uomo sapiens e qualsiasi altro animale presente sulla terra,è arduo e tutt’ora la spiegazione è quasi sconosciuta. Dire che la vita è presente solo sulla terra è pretenzioso ,in quanto il nostro sistema solare possiede delle caratteristiche simili se non addirittura uguali ad altri ,pianeti,galassie o universi. Perciò,l’entità che ci ha creato,perchè avrebbe dovuto creare la vita solo nella terra,ignorando il resto ?  Il termine vita si definisce come una condizione propria della materia vivente,ma tale terminologia è stata coniata dall’essere umano,ma se egli avesse un altro significato all’interno dell’universo? Le domande sono tante e tali meritano una risposta adeguata e sincera,ma solo il tempo potrà fornirci risposte per estirpare ogni dubbio di scetticismo.