Home In evidenza Quale Scienza per una Società migliore?

Quale Scienza per una Società migliore?

1988
0
SHARE

di Lucia  Votano
Articolo tratto dal volume “Progettare il Futuro. Dieci anni di solidarietà e innovazione” di Fondazione Vodafone Italia

Lucia-Votano-Slider
Lucia Votano

Nel   recente   dibattito   tra   “nuovo   realismo”   e   pensiero   ”post   moderno”  seguito all’uscita   del   manifesto   di   Maurizio   Ferraris,   in   questo   antico   e   sempre  attuale   interrogarsi   sulla   natura   del   rapporto   tra   essere   umano   e   realtà,   mi diverte  particolarmente  la  crescente  consapevolezza  dei  nuovi  realisti,  così  come  di   altre   scuole   di   pensiero,   di   non   poter   prescindere   dalla   scienza   nel   fare filosofia.   Sarebbe   per   me   più   appropriato   dire   che   la   filosofia   non   può   più  permettersi   di   ignorare     l’impianto   teorico,   basato   sui   risultati   sperimentali,   per  mezzo   del   quale   la   fisica   descrive   il   sistema   delle   particelle   elementari   e   delle loro   interazioni.   Sono   questi   gli   elementi  con  cui   si   costruisce   la   realtà  nelle  sue infinite   e   complesse   manifestazioni,   dall’uomo   alla   misteriosa   materia   oscura dell’Universo.   Il   Modello   Standard   delle   particelle   elementari,   la   meccanica  quantistica,   la   relatività   einsteiniana   rappresentano   lo   stato dell’arte   della  conoscenza  umana  della  realtà  osservabile  e  del  rapporto  dell’uomo con  essa.
Tutto   ciò   è   il   risultato   della   ricerca   di   base   che   si   nutre   della   innata
curiosità   dell’uomo   verso   se   stesso   e   ciò   che   lo   circonda   e   che   ha   come   unico
scopo  la  conoscenza.

Un’altra   esarcebata   divisione,   nata   peraltro   solo   alla   metà   del   secolo scorso,   genera   accesi   dibattiti   ed   è   quella   tra   ricerca   di   base   e   ricerca   applicata, tra   scienza   e   innovazione   tecnologica.   Potrebbe   sembrare   questione   di   poco conto,   se   non   se   ne   comprendono   le   importanti   implicazioni   sulla   vita   sociale, economica  e  culturale  di  un  Paese. Semplificando   troppo   si   può  dire  che  esiste  un  solo  tipo  di  ricerca  ed   è  la  buona ricerca,   ma   il   tema   è   complesso   e   merita   studio   e   approfondimento.   La  attenta   valutazione   e   misura   dei   pesi   relativi   tra   ricerca   di   base   ed   applicata    deve   condizionare   la   definizione   dei   piani   strategici   della   ricerca     e   dei   piani   di sviluppo  del  Paese.  Insieme  all’analisi  degli  enormi  cambiamenti  indotti  a  livello globale   dai   massicci   investimenti   dei   paesi   emergenti   in   alta   formazione,   in ricerca   di   base   e   innovazione   tecnologica,     dovrebbero   costituire   una   parte importante  dell’agenda  politica  e  essere  alla  base  di  una  strategia  volta  ad  evitare  la evidente   e   progressiva   marginalizzazione   dell’Europa   e   in   particolare  dell’Italia.

ricerca scientifica baseA   favore   della   ricerca   di   base   si   possono   portare   moltissimi   esempi   di  come essa  abbia  contribuito  al  progresso  e  al  miglioramento  della  vita  dell’uomo.  Viene   spesso   citato   l’esempio   di   Faraday   il   quale   si   dedicò   allo studio  dell’elettromagnetismo   senza   aver   certo   in   mente   quale   sostanziale  cambiamento   avrebbe   portato   l’uso   dell’elettricità   nella   vita   quotidiana   o   delle  onde  eletromagnetiche  nella  comunicazione.  Cosa  dire poi del  World  Wide  Web,  inventato  da  Tim-­‐Berners-­‐Lee  al  CERN  di  Ginevra  per  scopi puramenti  scientifici.  E   infine   mi   piace   citare   un   possibile   effetto   della   misura   effettuata   ai   Laboratori  INFN  del  Gran  Sasso   dei   geo-­‐antineutrini  provenienti  dalla  crosta  e dal  mantello  terrestre.   Originati   dai   decadimenti   dalle   catene   di   isotopi   radioattivi   di   Uranio,  Torio   e   Potassio   all’interno   della   terra,   essi   potranno   forse   nel   futuro   aiutarci   a  capire  meglio  l’origine  e  il  trasporto  del  calore  terrestre  alla  base  dei movimenti  tettonici  e  delle  loro  conseguenze  a  volte  distruttive.
Dall’altra  parte  è  indubbio  che,  ad  esempio,  la  ricerca  applicata  finalizzata  alla   scoperta   della   causa  e   cura   di   gravi   malattie   che   affliggono   l’umanità,   ha   un  impatto sociale  più  immediato  e  tangibile.

Inoltre   gli   elevati   costi   delle   grandi   infrastrutture   necessarie   per   alcune  linee  di ricerca  di  base,  l’ingenua  aspettativa  di  effetti    e  ricadute  immediati  della  ricerca   sulla   vita   quotidiana,   la   necessità   di   favorire   l’innovazione   tecnologica  delle   imprese,   nonché   il   divario   culturale   tra   scienza   e   società,   potrebbero  suggerire  scorciatoie  che  tuttavia  alla lunga  si  rivelebbero  deleterie. Penalizzare   eccessivamente   la   ricerca   fondamentale   o   considerare   le università   e   i   centri   di   ricerca   unicamente   come   sportelli   a   cui   affidare   la soluzione  di  problemi  tecnologici  delle  imprese,  ne  potrebbero rappresentare  un  esempio. Per   quanto   detto   in   precedenza,   risulta   invece   evidente   che   i   grandi miglioramenti   della vita   dell’umanità   sono   strettamente   correlati   ai   grandi   salti  della conoscenza  di  base  dei  fenomeni;  scherzando  noi  diciamo  che  la  lampadina  non  è  il frutto  di  lunghe  ricerche  applicate  al  miglioramento  delle  candele.

In   tempi   recenti   con   lo   sviluppo   del   mercato   hitech   si   è   già   prodotto   un  fenomeno   virtuoso:   il   trasferimento   sempre   più   rapido   delle   tecnologie   di   punta  sperimentate   dalla ricerca   di   base   (in   particolare   la   fisica   e   la   astrofisica)   alle  aziende   più   innovative.   Le   tecnologie   sviluppate   in   modo   prototipale   dalla  ricerca   fondamentale   sono   sempre   più   appetite   in   un   mondo   dove   la  competizione  globale  si  basa  molto  più  sull’innovazione  di  prodotto  che su  quella  di  processo.

E’   imperativo   tuttavia   cercare   con   sempre   maggiore   impegno   innovativi strumenti     per   favorire   la   valorizzazione   e   la   trasformazione   produttiva   della  conoscenza.  Dobbiamo “ricercare”  come  creare  reti  intelligenti,  fisiche  e  virtuali,    in   cui   risultati   di   ricerche   in   campi   anche   molto   diversi   si   intreccino   e   si  incontrino   con   le   esigenze   di   miglioramento   della   salute   dell’uomo   o   di  alleviamento   di   disagi   sociali,   di   soluzione dei   problemi   climatici   o  soddisfacimento  di  esigenze    di  innovazione  tecnologica. Se   Internet   e   WWW   stanno   producendo   una   rivoluzione   culturale  paragonabile all’invenzione   della   stampa,   un’altra   grande   rivoluzione   potrebbe  essere   indotta   dalla   trasformazione   in   sistema   stabile   e   non   episodico   della  interconnessione   tra   scienza   e   innovazione,   tra   scienza   e   qualità   della   vita   e  benessere economico.