Home Ambasciatori della Festa di Scienza e Filosofia Ieri, oggi e domani della terra

Ieri, oggi e domani della terra

4778
0
SHARE

Al giorno d’oggi si parla molto di sviluppo eco sostenibile, una particolare forma di sviluppo economico che è però in linea con la salvaguardia dell’ambiente.

Il nostro pianeta viene infatti ogni giorno preso di mira da agenti inquinanti di natura chimica come i metalli pesanti, il cadmio, il piombo ma anche dalle emissioni di zolfo ed ossido di azoto che infestano la nostra atmosfera e distruggono il nostro organismo.

Gli effetti dell’inquinamento sono direttamente proporzionali alla durata dell’esposizione del nostro organismo ad essi.

Possono essere a breve termine se l’esposizione è stata breve e a lungo termine se invece è stata a lungo termine.

La maggior parte dei danni che l’inquinamento causa al nostro organismo vengono subiti dal sistema respiratorio ma anche dal sistema cardiovascolare e molto spesso le sovraesposiozioni possono essere cruciali per l’insorgenza di tumori.

Uno dei più grandi “incidenti” di tutti i tempi che ha portato all’insorgere di numerose malattie e malformazioni di cui ancora oggi subiamo le conseguenze fu l’ esplosione del reattore numero 4 della centrale di Cernobyl.

Nel periodo successivo all’esplosione vietarono in gran parte dell’Europa di consumare alimenti e prodotti agricoli raccolti o cresciuti nei giorni dell’incidente.

Questo per diminuire l’ingresso di sostanze potenzialmente dannose nell’organismo anche se nonostante tutto si stimano milioni di morti per sindrome da radiazione acuta, leucemia e cancro; Malattie la cui insorgenza si incrementò nei decenni successivi.

Un’altra sovraesposizione dannosissima per l’organismo che ancora oggi continua a mietere vittime è quella all’amianto.

L’amianto conosciuto anche come asbesto produce, quando viene spostato o sottoposto a lavorazione o urti, delle fibre che possono, se inalate causano l’asbestosi, una malattia che provoca fibrosi del polmone, rendendolo meno estensibile ed elastico durante inspirazione ed espirazione.

Queste però possono anche portare a tumori polmonari, Mesotelioma pleurico, che avvolge la membrana esterna dei polmoni e viene definito tumore familiare perchè le scorie che lo provocano rimangono a lungo “sospese” in un ambiente piccolo come quello domestico, e gran parte dei colpiti sono familiari di malati. Abbiamo poi il mesotelioma peritoneale  un tumore che interessa il peritoneo che però si verifica nel 10/15% dei casi.

L’amianto fu uno dei grandi protagonisti dell’inquinamento ambientale del secolo scorso, esso veniva impiegato nelle miscele di verniciatura, nell’industria cartacea, chimica ed edile, oggi anche se si sta cercando di smantellare e “bonificare” tutti i luoghi dove la concentrazione di scorie è molto alta ci sono ancora moltissime vittime.

L’unico modo per salvaguardare il nostro pianeta e la nostra vita è prendere la strada dell’eco sostenibilità.

Produrre energia rinnovabile invece di utilizzare combustibili fossili, quindi sostituire carbone e petrolio con l’energia derivante dalle turbine eoliche, dalle biomasse e dalle centrali idroelettriche.

Utilizzare prodotti chimici meno dannosi per l’ambiente e sostituire quando possibile i materiali tossici o contenenti agenti inquinanti con elementi naturali.

Negli ultimi anni stanno nascendo molti edifici eco sostenibili, che riducono l’emissione di sostanze tossiche nell’ambiente e sfruttano le energie rinnovabili.

Abbiamo la responsabilità di amare il mondo in qui viviamo ed il dovere di mantenerlo sicuro per le generazione future.

“Ci deve essere un modo migliore per fare le cose che vogliamo, un modo che non inquini il cielo, o la pioggia o la terra” Paul McCartney.