Home Ambasciatori della Festa di Scienza e Filosofia L’importanza del Tempo

L’importanza del Tempo

1770
0
SHARE

È normale per una persona controllare il proprio orologio.

Quando abbiamo un appuntamento, guardiamo l’ora; quando siamo a scuola, guardiamo l’ora; quando ci svegliamo, guardiamo l’ora…

Ma quanto possono essere precisi i nostri orologi?

Appena cambia l’orario o si esauriscono le batterie, rimettiamo le lancette a posto.

Ma, durante questa operazione, possiamo sbagliarci di qualche minuto o secondo.

Per qualcuno non potrebbe essere un peso, ma per le persone che hanno bisogno dell’ora esatta durante il lavoro o per gli individui meticolosi, potrebbe essere un problema.

Infatti Charles Darwin diceva: “Un uomo che osa sprecare un’ora del suo tempo non ha scoperto il valore della vita.”

Gli orologi atomici sono mille volte più precisi e complicati degli orologi analogici che portiamo e, come dice il nome, vengono utilizzati gli atomi, perché, oltre a dare vita, hanno un ruolo fondamentale nella misura del tempo.

Oltre a fornirci gli orari precisi di ogni parte del globo, questi servono anche per i nostri viaggi in macchina.

Infatti ogni satellite che gira intorno alla Terra ha un orologio atomico che ci fornisce la posizione e l’orario in tempo reale.

Con questi orologi dentro i satelliti misuriamo il ritardo con cui ci arriva il tempo dal primo satellite, al secondo, al terzo… e facciamo una triangolazione per avere dei punti di riferimenti durante i viaggi.

Questa cosa è il GPS, che noi tutti usiamo quando dobbiamo partire per una certa località.

Gli orologi atomici non sono utili soltanto per il tempo, ma anche per le indicazioni stradali: per esempio, se vogliamo andare da Roma a Milano con la macchina e guardiamo il GPS, esso, oltre ad indicarti le strade da prendere, ci dà una media del tempo che potremmo impiegarci per raggiungere la meta.

E ciò avviene grazie agli orologi atomici presenti nei vari satelliti.

Ma ancora questa tecnologia deve essere migliorata, perché non è l’orologio perfetto per eccellenza, fa un piccolissimo errore di secondo ogni centinaio di anni, ma potrebbe migliorare e con esso anche la tecnologia GPS.