Home Ambasciatori della Festa di Scienza e Filosofia Ambiente=Bene pubblico

Ambiente=Bene pubblico

1059
0
SHARE

“Io sono me, più il mio ambiente. E se non preservo quest’ultimo, non preservo me stesso”. Così disse il filosofo e saggista spagnolo José Ortega y Gasset. Per far intendere la nostra più totale dipendenza dall’ambiente, e che ogni torto subito da esso ci ritornerà presto indietro come un boomerang.
Come panorama generale, il mondo è diviso in due fazioni: da una parte l’Olanda, dove dall’inizio del 2017 tutti i treni funzionano grazie all’energia generata dagli impianti eolici, permettendo il trasporto di 600 mila passeggeri al giorno a zero emissioni di CO2; dall’altra parte gli Stati Uniti, che con il loro 45o presidente, vogliono mettere fine all’accordo internazionale sui cambiamenti climatici.
Ma è tanto difficile abbandonare il petrolio, gli idrocarburi fossili e, magari, anche la fissione?
Perché non pensiamo, invece, di rinnovare queste energie, e con esse anche la nostra salute, con energie sostenibili e rinnovabili?
In Italia, per esempio, abbiamo molto sole, perché non usarlo, o usarlo molto di più di quanto viene fatto ora?
Certo è costoso costruire tutti i pannelli solari necessari a i nostri bisogni, ma “la terza rivoluzione industriale ci offre la speranza di poter raggiungere una nuova era post-carbonio, evitando ( o almeno rallentando ) la catastrofe del cambiamento climatico. Disponiamo delle conoscenze scientifiche e tecnologiche, e delle linee guida per renderlo possibile. Ora la questione è riconoscere le opportunità economiche che ci attendono e trovare la determinazione per coglierle in tempo” ( citazione dell’economista, saggista, attivista statunitense Jeremy Rifikin ).
E per finire, come diceva il premio Nobel del 1990 Mikhail Sergeevich Gorbachev, “quando le generazioni future giudicheranno coloro che sono venuti prima sulle questioni ambientali, potranno arrivare alla conclusione che questi “non sapevano”: accertiamoci di non passare alla storia come la generazione che sapeva, ma non si è preoccupata”.