Home Ambasciatori della Festa di Scienza e Filosofia L’INNOVAZIONE, IL FUTURO IN MEZZO A NOI

L’INNOVAZIONE, IL FUTURO IN MEZZO A NOI

664
0
SHARE

Da sempre, gli uomini, vivono di istinti. Impulsivi, curiosi e creativi, gli esseri umani, sin dal principio, hanno avuto tutti la stessa identica caratteristica del voler ricercare, scoprire nuove cose, rendere noto ciò che prima non lo era; conoscere per capire al meglio il mondo circostante, meravigliarsi delle piccole cose che esso ci offre e continuare a porsi domande sul perché di ogni singolo fatto avvenuto. E’, quindi, una sorta di bisogno la curiosità che contraddistingue il genere umano; è semplicemente necessario venire a conoscenza del modo in cui funzionano le cose, anche a costo di dover rischiare per ottenere determinate risposte: la verità con cui si forma la realtà, è, semplicemente, per alcuni, più importante di qualsiasi altro. Il fattore scatenante di tutto ciò è la pura curiosità, il bisogno che si ha di conoscere, di capire; l’aspirare a un qualcosa di meglio, che porti un cambiamento. L’ambizione. La dedizione. E’ solo così che le menti umane sono riuscite a comprendere e creare cose che in tempi precedenti erano completamente inimmaginabili, e che ora, tempo dopo, sembrano banali e vengono applicate nella vita quotidiana; basti pensare a semplici esempi come la ruota, che ha da subito semplificato il lavoro di qualsiasi uomo sulla terra, o alla bussola, che ha permesso agli antichi marinai di navigare in sicurezza lontano dalla riva, contribuendo ad aumentare sempre più i traffici marittimi e ad incrementare, così, le necessarie esplorazioni geografiche che hanno portato alla scoperta del mondo come lo conosciamo oggi. Questo perché, ovviamente, da cosa nasce cosa e il progresso è una macchina inarrestabile: una volta preso il via, è impossibile da frenare; per quanto non sia una cosa da dare per scontata è molto più naturale progredire che retrocedere. L’esempio più palese di questo è semplicemente la società in cui viviamo al giorno d’oggi: del tutto industrializzati e con tutti i possibili tipi di tecnologie immaginabili, siamo in un modo che avanza sempre di più, completamente interconnesso grazie alla grandissima invenzione della rete Internet, che collega un angolo di mondo con l’altro senza nessuna difficoltà e in brevissimo tempo. Tutto, ora, è facile e immediato, ma non è da prendere per scontato il fatto di avere al momento tutte le comodità necessarie subito a portata di mano: dietro tutto c’è il lavoro di anni e anni di migliaglia di persone, che con impegno e dedizione si sono spinti sempre oltre, fino ad arrivare ad un punto che, in precedenza, era semplicemente inimmaginabile. E chi può dunque sapere, ora come ora, fin dove l’uomo potrà spingersi in seguito, ulteriormente aiutato dalle potenti tecnologie che oggi si hanno a disposizione. E’, quindi, questo il punto fondamentale del progresso: la tecnologia. Se si parla di innovazione, di futuro, non si può pensare di escludere gli elementi tecnologici; per questo motivo, il modo più rapido e veloce con cui si può pensare di portare delle innovazioni alla Festa di Scienza e Filosofia, in questo caso, è quello di trovare il modo, ad esempio, di pubblicizzare sempre più la manifestazione a un pubblico di ragazzi certamente, ma non solo, su svariate piattaforme digitali, a partire dai social network, forse i più popolari e presi in considerazione dalla massa. La semplice pubblicità digitale, fatta anche di condivisione online, è probabilmente il modo più rapido ed efficace per raggiungere la maggior parte di ascoltatori; per non parlare poi, di pubblicizzare il sito online vero e proprio della festa; poi, certamente, non va ignorato neanche il buon vecchio metodo di distribuire volantini, organizzare presentazioni che spieghino il perché della festa e inducano i ragazzi a parteciparvi, rendendoli consapevoli della grande opportunità che è sicuramente da cogliere. Per quanto riguarda il lato innovativo della manifestazione, ci sono già molti aspetti positivi che la differenziano da molti altre; anche il semplice fatto che sia accessibile a qualsiasi ragazzo che abbia a disposizione un computer dove scrivere e la semplice voglia di sperimentare qualcosa di nuovo e produttivo è sicuramente un buon punto a favore. Un possibile consiglio, potrebbe essere, forse, quello di rendere il programma più interattivo, e quindi creare magari un punto di incontro online, una sorta di chat ufficiale tra tutti i ragazzi ambasciatori, dove poter discutere degli argomenti da trattare, e, talvolta, dar loro la possibilità di fare delle proposte sulle possibili nuove tematiche d affrontare, cosa che si potrebbe rivelare positiva. La cosa più importante è quindi, in qualsiasi caso, ma anche in questo specifico, credere nelle proprie capacità, rendersi partecipi di un qualcosa e saper affrontare le cose in modo creativo: saper guardare avanti per continuare ad andare avanti.