Home Ambasciatori della Festa di Scienza e Filosofia La matematica di facebook

La matematica di facebook

1124
0
SHARE

I Social Network continuano a svilupparsi sempre di più, il numero degli utenti registrati cresce ogni giorno e le loro funzionalità aumentano ad ogni aggiornamento; sui social si può trovare di tutto: foto di vita quotidiana condivise con i nostri “amici” , pagine di ogni tipo dalla cucina, allo sport, alla matematica . Oggi volevo soffermare l’attenzione proprio su quest’ultima.

Sono moltissime le pagine che pubblicano rompicapo matematici e problemi divertenti, e più si comincia a “cliccarle” più ne appaiono di simili. Se ci si sofferma a riflettere si può notare, infatti, che la matematica è presente non solo sui profili Facebook, ma dentro Facebook stesso! Il flusso di informazioni che scorre sulla Home di Facebook non è casuale , infatti, ci sono degli algoritmi ben precisi dai quali dipendono i post che compaiono sulla nostra bacheca. Ogni contenuto che viene postato da un utente su Facebook ha una visibilità maggiore sulle bacheche dei suoi contatti quando il punteggio che l’algoritmo di Facebook assegna è piu alto. Il punteggio è tanto più alto quanto più tempo passiamo a commentare , postare , leggere e condividere,  infatti in generale sulla nostra “Home”  compaiono i post delle persone o delle pagine su cui siamo andati a commentare o a mettere “like” recentemente.  In un’intervista il capo degli ingegneri di Facebook Tom Alison spiega che il “Newsfeed” è il risultato dei post delle persone e delle pagine a cui siamo connessi e che ogni “Newsfeed” è unico e personalizzato, è stato proprio quest’ultimo una delle idee-chiave di Facebook. Il “Newsfeed” garantisce all’utente di osservare con uno sguardo il flusso di notizie che riguarda la sua cerchia di amici. Ogni volta che un iscritto visita la pagina di un altro, mette “like” o commenta, sul suo profilo viene aggiunto un punto e il compito degli ingegneri è quello di calcolare questi punteggi dando un peso diverso ai “like” e a quante volte torniamo a vedere le stesse immagini e proprio in base a queste scelte non appena apriamo Facebook il sistema decide quale post far apparire per primo sulla nostra bacheca.

La matematica di Facebook dipende dalla propria socialità, e per quanto questi criteri siano matematici la rilevanza dell’algoritmo è sulla socialità e dipende da quanta interazione generano le Notizie condivise su Facebook, più saranno rilevanti, maggiore sarà la visibilità. Facebook ci fa visualizzare sulla bacheca al massimo 250 profili tra quelli degli amici e delle pagine e questo perché se ci mostrasse davvero tutto il sistema sarebbe rallentato. Sostanzialmente sono tre i fattori che rendono visibile un post sulla nostra Homepage:

  • l’affinità con l’autore
  • l’importanza di un contenuto pubblicato
  • le novità del contenuto

Ogni singola entità sociale chiamata “Edge”, moltiplicata per questi fattori aggiunge punteggio e di conseguenza aumenta la visibilità del contenuto.

Perciò quando abbiamo la sensazione che su Facebook compaiano sempre i post delle stesse persone non è una semplice impressione, ma vi è un algoritmo ben preciso che lo determina e “l’EdgeRank” ne è la causa.

Giorgia Alunno