Home Ambasciatori della Festa di Scienza e Filosofia I sogni come balsamo della nostra mente

I sogni come balsamo della nostra mente

881
0
SHARE

La memoria, innanzitutto, ha una funzione fondamentale per la nostra mente: è la capacità di ricordare ed è un po’ la nostra identità: senza i ricordi ci sentiremmo persi e non saremmo più noi stessi. Se ricordiamo eventi passati che ci hanno caratterizzato particolarmente nella vita, potremmo integrarli con il presente, arricchendolo. La memoria va esercitata per tenere vivi i ricordi ed evitare che sprofondino nel buio totale; come, ad esempio, quando impariamo dei numeri: più ripetiamo l’esercizio, più li ricorderemo a lungo. Dobbiamo ricordarci di ricordare. Eppure, nonostante ciò, molte esperienze vissute rimangono sommerse nella nostra memoria, a volte perché poco interessanti, altre perché fanno riferimento a situazioni particolarmente difficili, che vorremmo rimuovere: molti ricordi non li possediamo più, perché é come se fossero stati cancellati dalla nostra memoria. In realtà essi vanno ad arricchire la parte inconscia della nostra psiche e premono nella parte razionale, creando una situazione di disagio. L’inconscio desidera comunicare, ma spesso la parte razionale e morale della nostra psiche glielo impediscono. Allora egli sceglie il sogno per poter comunicare liberamente, ogni sogno infatti è la realizzazione di un desiderio. Però, per evitare che la razionalità e la moralità impediscano all’inconscio di parlare, egli esce in forma mascherata anche attraverso i sogni. In essi la nostra mente si riposa, perché soddisfa i desideri più profondi.
Il sogno assume un ruolo fondamentale per il nostro cervello, anche perché spesso recupera ricordi anche non traumatici, ma solo profondi nella nostra mente, facendoli riaffiorare alla memoria. Insieme alle nuove esperienze essi possono riorganizzarsi, arricchendo la nostra esperienza presente..
Il sogno, come realizzazione di desideri e come recupero della memoria, è quindi un vero balsamo per la nostra mente.

Denise Arra M’bo