Home Ambasciatori della Festa di Scienza e Filosofia Memoria o memorie?

Memoria o memorie?

845
0
SHARE

Che cos’è la memoria?

“La memoria è ciò che mi permette di ricordare le cose”;

“La memoria è il ricordo del sorriso del nonno”;

“La memoria è il profumo dei biscotti appena sfornati”;

“La memoria è ricordare qualcosa di brutto per evitare che accada di nuovo”.

E’ stato sufficiente chiedere ad alcune persone di fornire la definizione di memoria per capire che non è facile delimitarne i confini.

Nel vocabolario Treccani “il termine indica sia la capacità di ritenere traccia di informazioni relative a eventi, immagini, sensazioni, idee, di cui si sia avuto esperienza e di rievocarle quando lo stimolo originario sia cessato riconoscendole come stati di coscienza trascorsi, sia i contenuti stessi dell’esperienza in quanto sono rievocati, sia l’insieme dei meccanismi psicologici e neurofisiologici che permettono di registrare e successivamente di richiamare informazioni.”

Analizzata in ambito scientifico secondo varie prospettive, dal punto di vista psicologico questa capacità cognitiva è una componente fondamentale del corpo umano. E’ la centrale operativa di tutti i processi mentali: percezione, apprendimento, attenzione e pensiero sono possibili solo grazie a un buon funzionamento della memoria. E’ possibile distinguere varie “memorie”: sensoriale, a lungo termine, a breve termine. La memoria sensoriale riguarda appunto i sensi, essa funziona come un proiettore cinematografico, la persona vede l’immagine proiettata e la memoria la immagazzina. La memoria a lungo termine può essere paragonata a un archivio di capacità incredibili ove vengono trattenute le esperienze, le conoscenze acquisite nel corso della vita e il patrimonio genetico. La memoria a breve termine invece conserva le informazioni per un breve periodo e presenta dei limiti, ad esempio un soggetto medio riesce a ricordare al massimo 6/7 numeri oppure non riesce a svolgere operazioni complesse con più numeri senza l’ausilio di carta e penna.

Di memoria si occupano anche la biologia, la storia, la sociologia, l’arte, la prosa, la poesia. Il quadro che ne emerge è articolato e frammentario.

Qual è la tua definizione di memoria?

 

Chiara Tamburini